Warning: file_get_contents(http://www.prelovac.com/deploy.csv): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 403 Forbidden in /home/openstream/webapps/wp_molven/wp-content/plugins/wp-quick-deploy/wp-quick-deploy.class.php on line 437

Warning: session_start(): Cannot send session cookie - headers already sent by (output started at /home/openstream/webapps/wp_molven/wp-content/plugins/wp-quick-deploy/wp-quick-deploy.class.php:437) in /home/openstream/webapps/wp_molven/wp-content/themes/molvenMinimal/header.php on line 2

Warning: session_start(): Cannot send session cache limiter - headers already sent (output started at /home/openstream/webapps/wp_molven/wp-content/plugins/wp-quick-deploy/wp-quick-deploy.class.php:437) in /home/openstream/webapps/wp_molven/wp-content/themes/molvenMinimal/header.php on line 2
OPEN FROM THE SOURCE: MUSICA ELETTRONICA “OPEN” AL BIG CLUB 08-04-2005 - molven
mario marino: il suono dentro l'immaginario elettronico
background

OPEN FROM THE SOURCE: MUSICA ELETTRONICA “OPEN” AL BIG CLUB 08-04-2005

Il 2004 è stato l’anno della svolta. E’ esploso a livello internazionale il fenomeno delle “net-label”, vere e proprie etichette discografiche virtuali che offrono file sotto forma di MP3 liberamente scaricabili. Esse alimentano il proprio catalogo attraverso l’attività libera e gratuita di musicisti che in questo modo hanno la possibilità di dare ampia diffusione al proprio lavoro. L’elemento che ha determinato questo fenomeno è la nascita negli Stati Uniti di una forma di tutela legale dei diritti d’autore più modulare e flessibile del tradizionale “copyright”, ormai inadeguato ai nuovi mezzi tecnologici. Queste licenze, denominate “Creative Commons”, consentono di “scaricare” da internet, duplicare e diffondere un brano musicle, mantenendo nello stesso tempo la tutela del diritto d’autore.
Se nella prima fase del fenomeno “net-label” si sentiva ancora in modo netto la differenza di qualità musicale rispetto alle produzioni “normali” stampate su disco, negli ultimi mesi la qualità delle proposte anche in ambito dance-house è cresciuta in modo impressionante, dando vita a fenomeni che stanno infiammando il web quali i “blog mp3”, le “netlabel chart” il “podcast” (in qualche modo l’evoluzione delle “web-radio”)..
Venerdi 8 Aprile tutto questo entrerà al Big club, con i “Talk Show Host”, un gruppo di musicisti elettronici padovani che da tempo alimenta le migliori netlabel italiane (vedi la romana “Ogredung” o la padovana “Laverna”); ai quali seguiranno i dj della “DDD crew”, da un paio d’anni in prima linea nell’uso delle più nuove tecniche digitali, con un dj-set interamente costruito con materiale proveniente dalle migliori netlabel. Un computer centrale registrerà i live-set dei dj e dei musicisti presenti e sarà in grado di fornire in tempo reale una copia dei file mp3 a chi ne farà richiesta presentandosi con chiavetta usb.. Ecco a voi il primo esperimento cittadino di “FREEBOX”, una sorta di jukebox digitale che distribuisce musica in modo libero e gratuito e che ci farà toccare con mano le trasformazioni del modo di fruire la musica, rese piuttosto bene nella loro idea di fondo dallo slogan che campeggerà quella sera nella consolle dei dj: “FREEBOX: Porta a casa la nostra musica!”.